L’Associazione ha organizzato, come da tradizione, un soggiorno con le seguenti caratteristiche: Albergo accogliente, clima clemente …autista paziente. Tre giorni per conoscere le eccellenze presenti nel territorio Calabrese. L’albergo scelto per il soggiorno, ottimo tre stelle, sorge nel verde polmone silano , come si può vedere dalle foto scattate dai Soci.
Tra i luoghi di interesse culturale abbiamo visitato l’Abbazia Florense di San Giovanni in Fiore. E’ stata dedicata una giornata all’insegna del ritrovo della naturalità Silana, all’ombra di alcuni esemplari secolari di pino laricio, ed ammirato la bellezza della flora e della fauna facendo una passeggiata fra i sentieri, accompagnati da esperti del corpo forestale dello stato.

Non poteva mancare la visita al più importante Castello-Fortezza dell’entroterra calabrese il CASTELLO DI SANTA SEVERINA. Tra i castelli più belli e ben conservarti della Calabria, è un castello normanno detto anche di Roberto il Giuscardo, re normanno che lo fece costruire nel XI secolo. Dall’alto delle sue torri cilindriche si gode una magnifica veduta sull’ampia valle del fiume Neto, e sulle colline di Crotone.

Il soggiorno è terminato con la visita al lago di Cecita e alla bellissima cittadina di Lorica che si specchia nel lago Arvo. Lorica è un villaggio turistico della Sila Grande. Significa “corazza” perché è un posto sicuro, invalicabile e una parte dell’abitato si é sviluppato presso il suggestivo lungolago, strada d’accesso che porta al villaggio ai piedi del lago Arvo. Il lago è incastonato fra le due più alte vette dell’altopiano silano, BOTTE DONATO e MONTENERO dopo aver gustato le specialità della cucina Calabrese e acquistato i prodotti tipici (salumi, funghi e peperoncino)

Con tanta nostalgia siamo rientrati in Puglia già pronti per una prossima partenza

Le foto ricordo non potevano mancare per cui le abbiamo messe sul sito a disposizione di tutti.